Stampa
Notizie
Pubblico Impiego
Visite: 1170
(Reading time: 1 - 2 minutes)

mobilitazione

Parte domani 19 gennaio la prima giornata di mobilitazione di tutto il Pubblico Impiego contro la vergognosa trattativa che si sta consumando a Roma tra sindacati complici e Aran per il rinnovo dei contratti dei pubblici dipendenti. Aumenti risibili che non recuperano il valore d'acquisto perso in 8 anni di blocco contrattuale. Aumenti che partiranno a regime solo dal 2018. Mentre assistiamo alla capitolazione dei sindacati che, per garantirsi distacchi sindacali, permessi retribuiti e gestione dei Fondi Pensione e Sanità Privata, hanno svenduto la classe lavoratrice ai padroni e al Governo, il sindacalismo di base e conflittuale scende in piazza. Lo fa organizzando presidi di protesta in tutta Italia, davanti ai posti di lavoro per sensibilizzare l'opinione pubblica e i lavoratori: i Governi che si sono succeduti negli anni hanno tagliato indiscriminatamente posti di lavoro e servizi pubblici. Il blocco delle assunzioni, i tagli lineari ai bilanci degli enti locali e della sanità stanno mettendo in ginocchio un patrimonio di professionalità e di specialità, per darli in pasto ai privati.

CUB, SGB, unitamente a Si Cobas, Usi Ait, Slai Cobas e Pubblico Impiego in Movimento scendono in piazza il 19 gennaio e successivamente anche il 26 gennaio per dire BASTA:

La mobilitazione dei dipendenti pubblici continua il  26 gennaio davanti ai posti di lavoro della Funzione Pubblica: Ministeri, Parastato, Agenzie Fiscali, Inps, Inail ecc. per costruire lo sciopero generale e unitario di tutto il Pubblico Impiego.

CUB P.I. - Maria Teresa Turetta mail pubblicoimpiego@cubit 

SGB - Vincenzo Capomolla  mail pubblicoimpiego@sindacatosgb.it

e-max.it: your social media marketing partner

Questo sito utilizza alcuni cookies per migliorare i servizi ed esperienza dei lettori. Se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.