(Reading time: 1 - 2 minutes)

 campania3


Il Sindacato generale di base, con  i lavoratori degli appalti di pulizia all’Asl di Caserta, oggi in presidio sotto la sede della regione Campania.

Una mobilitazione che chiede sia messa la parola fine ad una situazione da lungo tempo insostenibile e che è stata oggetto, nei giorni scorsi, di un esposto alla procura della Repubblica di Santa Maria Capua Vetere.

Una situazione insostenibile, determinata da un sistema mafioso/clientelare che ha condotto i lavoratori in una condizione al di sotto del livello di sussistenza.

Mentre venivano tagliate drasticamente le ore di lavoro procapite,  si assumevano parenti e amici (anche di sindacalisti collusi) e chi si ribellava subiva ritorsioni di ogni tipo. Ora con il rinnovo dell’appalto alle porte vorrebbero formalizzare questa ignobile situazione.

Per questo il Sindacato Generale di Base sta organizzando quei lavoratori che con grande coraggio si stanno battendo contro questo sistema, per il diritto a lavorare e vivere con dignità.

E’necessario che la gara di appalto sia sospesa e venga radicalmente modificato il capitolato, garantendo le risorse necessarie  perché i lavoratori tornino ad avere contratti di lavoro ad ore piene e che le aziende vincitrici siano totalmente estranee ad un sistema mafioso/clientelare che produce queste situazioni.

E’ questo che andremo a sostenere, con dati di fatto, all’incontro che la Asl ha convocato urgentemente per domani.

Allo stesso tempo, queste richieste saranno alla base del tavolo di confronto con la Regione Campania i che si apre grazie anche al presidio odierno. 

Uniamoci e sosteniamo questi lavoratori che con coraggio si stanno mobilitando,  non permettiamo che un sistema eticamente e sindacalmente inaccettabile, abbia il soppravvento!

 Sindacato Generale di Base - Campania

campania1

campania2