Lombardia

(Reading time: 1 - 2 minutes)

stalker

Succede nell’Unità Civica Stamperia dove dal mese di settembre 2018 è stato insediato un Funzionario che, da subito, si è caratterizzato attraverso un atteggiamento aggressivo nei confronti dei lavoratori della tipografia, a cui si sono quotidianamente aggiunti atti persecutori, insulti e vessazioni, sino all'aggressione fisica dell’unica lavoratrice del reparto.

Durante l’assemblea dei lavoratori interessati, indetta dai Delegati di SGB e partecipata all'unanimità, sono state raccolte le denunce dalle quali è emerso un quadro fatto di soprusi continui e ripetuti.

Il sindacato ha quindi presentato ai Dirigenti competenti un primo esposto su quanto accaduto e che purtroppo continua a ripetersi, chiedendo un intervento che ponesse fine ai maltrattamenti elencati.

Non avendo riscontrato nessuna iniziativa, SGB ha presentato un ulteriore esposto al Direttore Generale e al Direttore Operativo, le più alte cariche della Civica Amministrazione, ma anche in questo caso nulla, lo STALKER RIMANE AL SUO POSTO E LE VESSAZIONI CONTINUANO!

Anzi, con provvedimento del 19 dicembre scorso, viene trasferito dalla tipografia il lavoratore della Civica Stamperia iscritto a SGB, punto di riferimento sindacale per i colleghi, un atto chiaramente ritorsivo, punitivo e intimidatorio: chi denuncia va via, chi brutalizza rimane!

Ricordiamo che il Dirigente che ha posto in essere il provvedimento di trasferimento non è nuovo a comportamenti singolari, infatti già in passato, almeno in due occasioni, tali personalismi gli hanno fatto perdere l’incarico di Responsabile delle relazioni sindacali.

Pertanto denunciamo pubblicamente quanto accade alla Civica Stamperia. Chiediamo l’allontanamento del Funzionario stalker ed il reintegro del Delegato sindacale ingiustamente trasferito.

Chiediamo, inoltre, la rimozione dall'incarico dei Dirigenti che ben conoscendo la storia di questo Funzionario, costellata di episodi analoghi ovunque abbia lavorato, tanto da aver a suo tempo interessato anche un intervento della Prefettura di Milano, continuano a proteggerlo attraverso una vera e propria opera di insabbiamento.

ULTIMA ORA: CI RISULTA CHE I CARABINIERI STANNO INDAGANDO SUI FATTI SOPRA CITATI.

Attachments:
Download this file (IlGiorno 23.5.19.pdf)IlGiorno 23.5.19.pdf[ ]236 kB