Lombardia

(Reading time: 1 - 2 minutes)

SGB simbolo

Nonostante la grande partecipazione allo sciopero di venerdì 12 aprile, a cui, escludendo i precettati, ha aderito circa il 70% dei lavoratori e lavoratrici dell’Ospedale San Raffaele, l’Amministrazione ha continuato a fare proposte, nei tre incontri del 2, 9 e 14 maggio, che l’assemblea generale di mercoledì 15 ha ritenuto insoddisfacenti. Quindi, infermieri, personale di supporto, amministrativi e tecnici hanno votato all’unanimità la prosecuzione dello stato di agitazione, che prevede anche un secondo sciopero.

Ieri, SGB, insieme alla Rappresentanza sindacale unitaria e alle sigle rappresentate al suo interno, ha inviato la proclamazione ufficiale per mercoledì 5 giugno.

Identica la piattaforma rivendicativa: stabilizzazione dei precari e nuove assunzioni, per poter garantire sicurezza e qualità dell’assistenza; incentivi alla produttività e progressioni orizzontali; diritto al part time, continuamente negato, un accordo per regolamentare ferie e straordinari.

“Nei prossimi giorni,” dichiara Daniela Rottoli “verranno organizzate anche iniziative per promuovere lo sciopero e verranno messe in atto forme di lotta anche nel quotidiano, segnalando ogni non conformità e pretendendo l’applicazione di ogni diritto previsto dal contratto e dalle normative.”

“Queste forme di protesta,” conclude Margherita Napoletano “compreso lo sciopero, servono a garantire organici adeguati, indispensabili per la qualità dell’assistenza e la sicurezza di operatori e pazienti. Per questo, continuiamo a chiedere anche la solidarietà dell’utenza, che ha sempre espresso sostegno alle nostre rivendicazioni.”

SGB – Ospedale San Raffaele