Lombardia

IMG 20171008 WA0003

SGB - Sindacato Generale di Base ha aderito all’appello per l’alternativa al G7 AGRICOLTURA che si terrà a Bergamo  perche assistiamo a un’affermarsi  di una agricoltura sempre più produttrice di cibo standardizzato,  a scapito dei diritti del lavoro e dell’ambiente  , con l’utilizzo di sostanze chimiche o manipolazioni genetiche potenzialmente pericolose per la  salute e il futuro del pianeta.
Questa è la conseguenza di un mercato mondiale del cibo dominato dalle multinazionali dell’agrobusiness, che obbediscono solo alla legge  capitalista del massimo profitto, incurante delle conseguenze sull’uomo e sulla natura: come sindacato rivendichiamo il diritto al cibo sano come parte fondamentale del diritto alla salute.
I salari sempre più  bassi e la crescente incertezza della precarietà  costringono sempre più lavoratori, pensionati  ,giovani a non poter neanche  scegliere di mangiare null’altro che i prodotti dell’agroindustria  mentre invece rivendichiamo il diritto al cibo sano per tutti ,che significa lottare concretamente per cambiare il modo di produzione del cibo ma anche rendere il cibo biologico  un alimento  alla portata anche di chi non possiede redditi elevati come oggi purtroppo ancora in molti casi  non è .
Cambiare il modo di produzione capitalistico del cibo significa anche lottare contro le forme ormai apertamente schiavistiche che in agricultura sono l’altra faccia della medaglia  della produzione del cibo con la logica del massimo profitto.
Questi sono alcuni dei temi che ci hanno portato  ad aderire e a partecipare alle iniziative previste nelle giornate del 14/15 ottobre a Bergamo consapevoli che laddove si discutono trattati o convenzioni a livello internazionale occorre far sentire la voce dei lavoratori per fermare l’ormai palese uso dei trattati internazionali per diffondere cibo senza qualità prodotto da un lavoro senza diritti.

                                                                                        Sindacato Generale di Base SGB Bergamo