EmiliaRomagna

(Reading time: 2 - 3 minutes)

ImmagineBologna 25 Aprile 2016 - Resistenza è anche libertà di sciopero e di organizzazione

-Volantinaggio contro il fascismo sindacale di Merola-

La guerra partigiana di liberazione dall' l'occupazione nazifascista è stata resistenza di popolo e lotta per la democrazia.

Il movimento operaio  è stato parte fondamentale della resistenza e portatore dei valori di uguaglianza sociale che oggi vengono messi seriamente in discussione anche nei luoghi di lavoro dove spesso, viene negata la libertà di sciopero, il diritto a riunirsi e di libera organizzazione.

Nelle settimane scorse, il Sindaco di Bologna Merola ha voluto assurgere a simbolo di questa sorta di neofascismo sindacale, impedendo la libertà di assemblea, di organizzazione e di comunicazione a quelle migliaia di lavoratrici e lavoratori comunali che non si riconoscono nei sindacati suoi complici

 

Dopo decenni di pratica sindacale democratica all'interno del Comune di Bologna, Merola con un semplice editto ha tolto la voce a quelle organizzazioni sindacali, in particolare al Sindacato Generale di Base (il secondo sindacato in termini di iscritti) che si sono sempre battute contro i processi di dismissione e privatizzazione dei servizi comunali.

Merola si sta accanendo contro quelle lavoratrici e quei lavoratori comunali che più di altri hanno difeso la qualità dei servizi dai tagli voluti dai Governi centrali, hanno sostenuto le lotte dei precari e si sono battuti per salari decenti e contro il taglio alle pensioni. In poche parole Merola vuole tagliare le gambe a migliaia di lavoratrici e lavoratori comunali che si battono per la giustizia sociale e se ne fa pure in campagna elettorale.

Per questo come SGB il 25 aprile la nostra Resistenza avrà inizio con un volantinaggio alle ore 10,30 davanti la sede elettorale di Merola, in Piazzetta della pioggia.

Rilanciamo infine l'appello che l'assemblea nazionale dei delegati del sindacalismo di base del pubblico impiego (SGB, CUB, Cobas, Sicobas, Adl-cobas, Sialcobas, Slaicobas) hanno lanciato il 9 aprile scorso.

“IL 25 APRILE nella giornata dedicata alla memoria di ciò che i partigiani hanno fatto contro il fascismo e il suo regime, delegati rsu e sindacati di base lanciano un appello a tutti coloro che scendono in piazza perché al centro delle mobilitazioni non ci sia solo il ricordo del passato ma anche l'impegno a combattere oggi il nuovo fascismo\autoritarismo che vogliono imporre nei posti di lavoro minando quanto resta del diritto di sciopero, di assemblea, di libera organizzazione sindacale.”