EmiliaRomagna

(Reading time: 1 - 2 minutes)

cassa

ORA BASTA CON LE CHIACCHIERE E LA PROPAGANDA, CACCIATE I SOLDI!!!!!

MARTEDÌ 26 MAGGIO ALLE ORE 11 PRESIDIO SOTTO LA SEDE DELLA REGIONE EMILIA ROMAGNA.

Il presidio è stato indetto a sostegno dei lavoratori precari di BolognaFiere, nello specifico i lavoratori stagionali e i lavoratori intermittenti in appalto che si occupano della sicurezza:

lavoratori stagionali, precari da 20 anni, ad oggi esclusi dalla possibilità di ricorso alla cassa integrazione in deroga e dal diritto al bonus di 600 euro, perché previste solo per i contratti del Turismo, che dal mese di marzo non percepiscono stipendio, ne possono fare domanda di disoccupazione;

lavoratori intermittenti, in appalto alla Puma Security, che non hanno ancora ricevuto la cassa integrazione in deroga e neppure i moduli firmati dall’azienda al fine di ricorrere all’anticipo della cassa integrazione da parte delle banche. Un vergognoso ostruzionismo da parte dell’azienda che non tiene conto delle difficoltà economiche dei lavoratori che non percepiscono un centesimo dal mese di febbraio.

Il caos ed il vuoto normativo, nonché la mancanza di copertura economica degli ammortizzatori sociali, congiuntamente all’assegnazione esclusiva, in barba ai principi costituzionali, della rappresentanza dei lavoratori a  cgil,cisl e uil, anche quando questi sono aderenti ad altre organizzazioni, sta generando insicurezza e povertà per molti di essi.

Siamo stanchi della propaganda, delle chiacchiere, è necessario che i soci pubblici di BolognaFiere ed in particolare la Regione Emilia Romagna, trovino in tempi brevissimi una soluzione seria e dignitosa per questi lavoratori.

Ricordiamo che le aziende pubbliche e private in questione usufruiscono di  finanziamenti pubblici, diretti ed indiretti, ordinari e straordinari e che nel caso di Bolognafiere l’esercizio 2029 si è chiuso in attivo.

Invitiamo tutti a partecipare al presidio