EmiliaRomagna

(Reading time: 2 - 3 minutes)

foto sciopero presidio assistenti domiciliari cento

 SVOLTO INCONTRO CON LE ISTITUZIONI SUI SERVIZI  DOMICILIARI Comune di CENTO e TERRE DEL RENO
 

Grazie alle due giornate  di sciopero in ottobre delle Lavoratrici del S A D del Comune di CENTO e Terre del RENO   che da mesi stanno denunciando i tagli al loro servizio, ieri si è svolto un tavolo di confronto tra SGB, ASL , Comune di Cento e la Coop. Ancora Gestori del servizio in accreditamento. Presenti la Direttrice del distretto Ovest Dott.ssa Ferraresi e l’Assessore alle politiche sociali Grazia Borgatti.

Un’incontro politico dove SGB ha chiesto agli enti committenti d’esprimersi sulla attuali condizioni del servizio e la qualità dei servizi del SAD ; le responsabili dei servizi sociali del Comune si sono espresse per una qualità del servizio necessaria che, con i tagli attuati dalla Coop Ancora, attualmente  non è garantita; hanno ammesso di aver trascurato nel contratto di servizio con la cooperativa alcune specifiche fondamentali dondole per scontate e quindi dover necessariamente ricontrattare con la cooperativa il contratto di servizio.

A quel tavolo SGB ha riscontrato che mentre i committenti parlavano di qualità del servizio la cooperativa si accaniva sui lavoratori parlando esclusivamente di denaro e si dichiarava disponibile a rivedere il servizio a fronte di nuovi investimenti del committente.

In conclusione committente e cooperativa si metteranno a sedere  per ridiscutere le condizioni dell’appalto allo scopo, speriamo,  di migliorare le condizioni di lavoro e la qualità del servizio; nessuna scadenza però è stata data ai lavoratori.

Come SGB vogliamo sottolineare che questa battaglia dei lavoratori che va avanti dal mese di maggio non riguarda solo le condizioni di lavoro delle operatrici ma anche quelle della qualità del servizio pubblico che tutti i cittadini pagano con le proprie tasse; soldi che a causa del consuetudine consolidata dell’estarnalizzare i servizi, spesso  finiscono in tasca a cooperative che di fatto senza vergogna alcuna fanno del  sociale esclusivamente  un business.

Questo appalto scadrà nel 2019 e da qui vorremmo ripartire e discutere con i lavoratori e cittadini e le istituzioni che li rappresentano della necessità di far ritornare i servizi pubblici veramente eliminando le esternalizzazioni a soggetti terzi che di fatto abbassano qualità e condizioni di lavoro nei servizi pubblici.

Il prossimo 22 Novembre è indetta assemblea con le lavoratrici che decideranno  come portare avanti la vertenza per i diritti e la dignità dei lavoratori e dei cittadini più in generale!

Ferrara 15.11.2018
 P.Sindacato Generale di Base