Pubblico Impiego

(Reading time: 2 - 3 minutes)

SGB simbolo articoli

I DOCENTI PRECARI HANNO DIRITTO A FRUIRE DELLE FERIE A GIUGNO, VISTO CHE DAL 2013 NON VENGONO PIU' MONETIZZATE
CHI DICE CHE AVETE FRUITO DELLE FERIE NEI PERIODI DI SOSPENSIONE DELLE LEZIONI MENTE

Poiché ci stiamo avvicinando al termine delle lezioni e quindi al periodo in cui i precari possono godere dei giorni di ferie maturati e non più liquidati, vi ricordiamo che è opportuno fare richiesta dei giorni spettanti per garantirsi il diritto, ancora riconosciuto dalla normativa, di godere di tali giorni in base alle personali necessità.

Dal 2013 le ferie non godute non vengono più monetizzate, pertanto è obbligo fruirle. Una circolare del Ministero del Tesoro dice che, nel calcolare un'eventuale monetizzazione di ferie non godute, bisogna detrarre le giornate di sospensione delle lezioni (vacanze di natale, pasqua, ponti ecc.). Alcuni Dirigenti però, anche se non chiedete la monetizzazione ma chiedete di fruire delle ferie detraggono direttamente questi giorni dalle ferie che vi spettano, pur se voi non avete mai presentato alcuna richiesta e questo è illegale.

Con il comma 54 della Legge 228/2012 è stato introdotto il criterio della “sospensione delle lezioni” come periodo per fruire delle ferie, ma non è stato sancito nessun obbligo rispetto a quali periodi di sospensione delle lezioni debbano essere utilizzati dai docenti in oggetto, che possono legittimamente e a buon diritto decidere di godere di tutto o parte del periodo di ferie maturato, ad esempio, nei periodi di sospensione delle lezioni, previsto dai calendari regionali per il mese di giugno con l’unica esclusione dei giorni destinati agli scrutini, agli esami di Stato e alle attività valutative”. Facciamo presente che la consegna delle schede non è considerata nel CCNL attività valutativa e quindi nei giorni previsti per la consegna schede si possono chiedere le ferie.

In diversi Istituti, dove la dirigenza aveva negato le ferie nei giorni di consegna delle schede, abbiamo ottenuto il ritiro del diniego e tutelato il diritto del lavoratore di godere delle ferie. In altri Istituti, invece, poichè la dirigenza ha negato la fruizione delle ferie legittimamente richieste e spettanti alla lavoratrice, abbiamo ottenuto il pagamento dovuto.

Alla voce“avendo già usufruito di gg…..”dovete indicare eventuali giorni di ferie già richiesti (che rientrano nei 6 giorni di cui è possibile godere durante le lezioni) ma non quelli in cui la scuola è stata chiusa poiché risulta palesemente illegittima qualsiasi disposizione che preveda di computare preventivamente come giornate di ferie fruite i periodi di sospensione delle lezioni.

Le colleghe e i colleghi della Scuola dell'Infanzia, proseguendo le lezioni fino a fine giugno, hanno diritto al pagamento delle ferie non godute, ma incorrono nelle clausole apportate dal D.L. 95/2012 e dalla Legge 228/2012, pertanto a loro verranno sottratte le giornate di sospensione delle lezioni. E' questo un provvedimento che abbiamo sempre contestato, così come disprezziamo chi decise di ripagare i debiti dello Stato con le banche, prelevando una mensilità di stipendio a centinaia di migliaia di precari, anziché colpire i ceti ricchi del paese.

N.B. Spesso alle vostre richieste non arriva un diniego scritto del dirigente, ma venite chiamati dalla segreteria che vi dice che non avete più giorni di ferie perché le avete godute nei giorni di sospensione delle lezioni. Abbiamo appurato che sono alcuni dirigenti a dire queste sciocchezze alle segreterie, quindi pretendete di avere una risposta scritta da parte del dirigente. Segnalateci poi il caso in modo da permetterci di intervenire, considerando che abbiamo già scritto a tutti i dirigenti per chiarire l'applicazione della normativa, quindi chi non vuole riconoscervi le ferie lo fa sapendo che è illegittimo.

 

Sottocategorie