(Reading time: 2 - 3 minutes)

 

SGB simbolo

 

 

PROROGHE CONTRATTI PRECARI ATA:

UN ALTRO PASTICCIO DEL MIUR E DEI SINDACATI COMPLICI

 

 

 in allegato modelli di diffida da presentare ai dirigenti

 

Un po di storia:

lo scorso agosto il Miur annuncia che conferirà solo supplenze fino ad avente diritto, per permettere di collocare nei posti ATA il personale in esubero proveniente dalle province.

A seguito anche delle nostre denunce pubbliche, a fine agosto viene disposto di conferire tutti gli incarichi fino al 30 giugno e di prorogare al 31 agosto i contratti sui posti in organico di diritto che rimarranno dopo aver assorbito gli esuberi delle province.

 

Segnalammo subito alle amministrazioni 3 logici rischi: 1) se non fossero stati esplicitati quali erano i posti in organico di diritto (quindi potenzialmente con scadenza al 31 agosto), i precari non avrebbero avuto la possibilità di scegliere il contratto più vantaggioso in base alla collocazione in graduatoria; 2) nessuno lavoratore in esubero nelle ex province intendeva chiedere di lavorare nel comparto scuola; 3) i tempi previsti per le operazioni di prolungamento (luglio 2016) erano assurdi, considerando la tempistica dei contratti scolastici.

 

Maggio-giugno 2016: con comunicati entusiastici e cantando vittoria, i sindacati complici hanno annunciato di aver risolto il problema grazie alle lotte (quali? Il personale ATA ha disertato lo sciopero proposto da loro il 20 maggio, mentre ha scioperato in massa il 18 marzo durante lo sciopero generale dei sindacati di base).

La nota del 31 maggio rivela invece che tutte le nostre previsioni si sono ovviamente avverate. In particolare, i precari hanno scelto senza sapere quali fossero i posti che potevano essere prorogati al 31 agosto e così oggi succede che i primi in graduatoria non abbiano la possibilità di avere il prolungamento perchè casualmente capitati su posti disponibili, mentre altri colleghi che legittimamente non avrebbero voluto un contratto fino al 31 agosto si ritrovano con la proposta del prolungamento. Ci viene poi detto che i Dirigenti vorrebbero decidere ora chi è su posto vacante e chi su posto disponibile, in barba sempre alla graduatoria. 

Il vero obiettivo era, ancora una volta, tagliare risorse e posti di lavoro sulla pelle dei precari.

L’entusiasmo dei sindacati complici ci dice poi che l’accordo raggiunto prevede che si chiuda un occhio sulle tante ingiustizie che si compieranno.

 

L’unica soluzione ai tantissimi problemi del personale ATA (e con questo, di tutta la scuola) è l’aumento degli organici ai livelli del 2005.

 

SGB diffiderà il MIUR e chiederà che i prolungamenti fino al 31 agosto vengano proposti a tutto il personale che a settembre aveva avuto il contratto fino 30 giugno, perché il pasticcio è grosso e chi lo ha causato deve porvi rimedio.

 

In ogni caso, dovrà essere riconosciuto il punteggio relativo a luglio e agosto ai tanti che verranno penalizzati da questa nota, pena la perdita di legittimità delle graduatorie.

In allegato, forniamo dei fac simile per richiedere alle amministrazioni di conoscere la tipologia del posto cui siamo stati nominati e un altro per diffidare dal procedere a nomine che non rispettino la graduatoria.