(Reading time: 2 - 3 minutes)

fotocomunicato

PUBBLICO IMPIEGO. SCUOLA

 

LA LOTTA VINCE: FULL TIME PER I LAVORATORI ATA EX LSU!

 

ADESSO RIAPRIAMO LA DISCUSSIONE SUI 4.000 ESCLUSI LASCIATI A CASA DAL PROCESSO D’INTERNALIZZAZIONE

Il Sindacato Generale di Base (SGB) esprime forte soddisfazione in merito alla conferma a regime della trasformazione del rapporto di lavoro, da part time a full time, di migliaia di collaboratori scolastici ex LSU, coloro che avevano potuto partecipare al primo bando, erano stati assunti nelle scuole ma si erano visti tagliare ore, contratti e stipendi.

Una misura già sancita dal c.d. Decreto Rilancio del maggio scorso i cui effetti erano però limitati al periodo dall’1 settembre al 31 dicembre 2020. Nel caso in cui l’attuale bozza di legge di bilancio per il 2021 venisse confermata, si metterà finalmente la parola fine a questa grave ingiustizia che ha visto migliaia di lavoratori vedersi dimezzato lo stipendio per diversi mesi, dal momento dell’assunzione alle dirette dipendenze del Ministero dell’Istruzione (1 marzo 2020) fino a non molte settimane fa visti i forti ritardi di attuazione del Decreto Rilancio da parte delle amministrazioni periferiche dell’Istruzione.

Un grande risultato, frutto di anni di lotta dei Lavoratori, che dimostra come la forza, la spinta dei Lavoratori, obiettivi seri ed un’Organizzazione non collusa possano portare a risultati che dipingevano impossibili.

Mancano all’appello però ancora migliaia di persone, ex lsu, esclusi dal primo bando e che corrono il rischio di non trovare spazio neanche col nuovo bando di assunzione. Non solo tutti coloro che non hanno il requisito minimo dei 5 anni di anzianità come ex lsu nelle scuole, ma anche tutti coloro, soprattutto in Sicilia, in Calabria, Campania ed in generale in tutto il sud, che hanno tutti i requisiti previsti ma rischiano di non trovare posti disponibili.

Migliaia di lavoratori, rimasti ostaggio da un anno di cooperative ed aziende senza scrupoli, ingrassate per anni da soldi ed appalti pubblici nelle scuole, che continuano ad avere una miriade di altri appalti e miliardi pubblici in ogni settore, ma che in genere hanno sospeso i lavoratori lasciandoli senza lavoro e senza stipendio grazie anche ad un contratto nazionale confezionato su misura da Cgil Cisl Uil & C.

Nuovi disoccupati involontari, migliaia di lavoratori sospesi, paradossalmente vittime della stessa internalizzazione che andava fatta e che deve proseguire (anche per altre categorie) ma deve basarsi sugli effettivi numeri degli occupati delle aziende.

Oggi prendiamo atto di questo importante passo in avanti per tutti i lavoratori ex lsu che hanno partecipato al primo bando, ma da domani saremo di nuovo in piazza per continuare a dare voce a tutte le persone che hanno perso il lavoro e che sono concentrate soprattutto nel Centro – Sud del Paese dove i livelli di disoccupazione sono già insostenibili.

Bisogna rimboccarsi le maniche e pretendere il mantenimento dei livelli occupazionali, l’assunzione e l’internalizzazione di tutti.

AVANTI CON LE LOTTE, CHI NON LOTTA HA GIA’ PERSO!

Attachments:
Download this file (comunicato full time per tutti.pdf)comunicato full time per tutti.pdf[ ]145 kB