(Reading time: 2 - 3 minutes)

24ottobre

LA NOSTRA SALUTE NON È IN VENDITA: PAGHI CHI NON HA MAI PAGATO!

LA SCUOLA È COMINCIATA MALE E RISCHIA DI FERMARSI PRESTO.

La scuola è ricominciata, ma è partita peggio del solito: le GPS, piene di errori e pubblicate dagli uffici scolastici come definitive, senza possibilità di segnalazione di punteggi sbagliati e di esclusione arbitraria o inclusione in classi di concorso diverse da quelle in cui ci si era iscritti; le convocazioni per le supplenze annuali sono partite, tanto per cambiare, dopo più di due settimane dall'inizio della scuola, lasciando le classi scoperte e gli alunni con disabilità senza insegnanti di sostegno; gli interventi all'edilizia scolastica nulli: le classi sono ancora sovraffollate e le condizioni di sicurezza non sono comunque garantite. A Bologna 1600 studenti e studentesse delle scuole superiori sono stati dislocati in Fiera, ma neanche 15 giorni dopo è ripresa la didattica a distanza perché gli spazi erano troppo rumorosi e inadeguati ad accogliere tante persone. I carichi di lavoro per il personale ATA sono aumentati a dismisura e i dirigenti scolastici non hanno tardato ad avviare provvedimenti disciplinari ingiusti e del tutto arbitrari.

A sette mesi dall'inizio dell'emergenza sanitaria nulla è stato fatto per garantire la sicurezza del personale scolastico, degli studenti e delle studentesse: la chiusura delle scuole in Campania deve essere imputata all'assenza di provvedimenti adeguati a fronteggiare l'emergenza. Sono mancati investimenti per potenziare il trasporto pubblico, nell'edilizia scolastica e per l'aumento degli organici nelle scuole. Il ritorno alla didattica a distanza peserà sugli studenti, sulle studentesse e sulle loro famiglie: lavoratori e lavoratrici che non sono tutelati e che rischiano di perdere il lavoro per le mancanze di questo governo e per tutti i tagli allo stato sociale degli ultimi decenni.

PER UNA SCUOLA SICURA RIVENDICHIAMO:

  • La stabilizzazione immediata di tutti i precari e le precarie della scuola (personale ATA, personale docente, personale educativo) con servizio minimo di 36 mesi, attraverso un concorso per soli titoli e servizi;
  • Investimenti seri per ristrutturare e mettere in sicurezza tutti gli edifici scolastici penalizzati dai tagli degli ultimi decenni;
  • L’internalizzazione di tutte le figure professionali che lavorano all'interno della scuola e che sono però alle dipendenze di aziende private (educatori/trici, mediatori/trici linguistici/che e culturali, psicologi/ghe, assistenti all’igiene personale etc);
  • L’abolizione delle nuove norme (Decreto Rilancio, OM 60/2020) che introducono figure ancora più precarie all'interno della scuola: “lavoratore/trice anti covid”, supplente senza diritto al completamento dell’orario di servizio;
  • L’immediato rinnovo contrattuale con aumenti salariali che tengano conto dell’aumento del costo della vita degli ultimi decenni e l’abbassamento dell’età pensionabile senza penalità economiche;
  • L’eliminazione delle classi pollaio attraverso l'aumento degli organici;
  • La vigilanza sanitaria continua nelle scuole, attraverso il reinserimento di un presidio medico all'interno delle scuole.

PER FAR SENTIRE LA VOCE DELLE LAVORATRICI E DEI LAVORATORI DELLA SCUOLA

 

SABATO 24 OTTOBRE ALLE 15:00 IN PIAZZA ROOSEVELT, BOLOGNA

PRESIDIO ITINERANTE LAVORATRICI E LAVORATORI DI TUTTI I SETTORI

 

PREFETTURA, COMUNE E CONFINDUSTRIA

Attachments:
Download this file (SGB - 24 ottobre volantino scuola.pdf)SGB - 24 ottobre volantino scuola.pdf[ ]465 kB