Stampa
Privato
Visite: 1496
(Reading time: 3 - 6 minutes)

Filt-Cgil, Fit-Cisl, Uiltrasporti il 3 dicembre hanno sottoscritto un'ipotesi di accordo che rinnova il Ccnl Autotrasporto Logistica e Merci.

Questo CCNL arriva a due anni dalla scadenza del precedente con l'intento di cercare di sedare e narcotizzare le lotte che attraversano il settore, anche alla luce del successo degli scioperi promossi dal sindacalismo di base del 16 giugno e del 27 ottobre di quest'anno.

Con questo accordo i padroni consegnano alle segreterie dei sindacati firmatari, cgil,cisl e uil, la titolarità di decidere insieme a loro, attraverso gli enti bilaterali e la contrattazione decentrata, della vita dei lavoratori a prescindere dal volere degli stessi.

Uno scambio fra padroni e sindacati complici, con il quale cercano di svendere il portato delle lotte dei lavoratori del settore, in cambio di una sorta di monopolio della rappresentanza sindacale, che ha partorito un pessimo accordo:

Non contenti, sindacati complici e padroni, affermano che questo « rinnovo arriva in una fase critica per il settore, tanto è vero che, “con grande senso di responsabilità”, verificheranno le condizioni economiche del comparto entro il mese di luglio 2019, prima dell’erogazione dell’ultima rata d’incremento salariale (mediamente 32 € lordi).

Il fatto che la diversa programmazione dell’orario, attuabile per un massimo di 4 settimane nell’arco di un anno, porti nelle tasche del lavoratore un’indennità di disagio di 50 euro a settimana e di 8 euro giornalieri, di fatto è il viatico con cui si pensa di far accettare questa flessibilità lavorativa per poi sottrargliela con la scusa dell’assenteismo

In definitiva con questo rinnovo contrattuale, in un settore chiave per il Paese, si è concessa ancor più flessibilità dell’orario e dell’organizzazione del lavoro, reso ancora più precario il lavoro nell’intera filiera, mantenuti bassi livelli salariali, limitato lo spazio contrattuale dei lavoratori.... in cambio di briciole.

SGB invita tutti i lavoratori a respingere quest’accordo e a impedire ai sindacati complici di certificarne il gradimento attraverso le solita consultazione farsa !

e-max.it: your social media marketing partner

Questo sito utilizza alcuni cookies per migliorare i servizi ed esperienza dei lettori. Se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.