Stampa
INTERNAZIONALE
Visite: 344
(Reading time: 2 - 4 minutes)

Dalla Federazione Mondiale dei Sindacati (WFTU )

Primo maggio 2019: la ricchezza appartiene a coloro che la producono!

La Federazione mondiale dei sindacati, per conto dei suoi 97 milioni di membri in 130 paesi dei 5 continenti, saluta la celebrazione della Giornata internazionale dei lavoratori 2019 con lo slogan: "La ricchezza appartiene a coloro che la producono!"

Salutiamo i lavoratori in tutto il mondo e il loro ruolo insostituibile nella produzione di tutti i beni e servizi necessari per coprire tutti i bisogni contemporanei dei popoli a livello internazionale. Onoriamo la storia della classe operaia mondiale, la grande lotta degli operai a Chicago nel maggio 1886, che combatté e raggiunse l'istituzione della giornata lavorativa di 8 ore, anche sacrificando la propria vita.

Il movimento sindacale di classe, attraverso i ranghi della Federazione mondiale dei sindacati, continua fermamente le sue lotte con le richieste di miglioramento essenziale delle condizioni di lavoro e di vita dei lavoratori e dei poveri strati popolari.

Al giorno d'oggi, quando l'1% della popolazione possiede più dell'80% della ricchezza prodotta, mentre 4,5 miliardi di persone vivono in povertà e miseria, i lavoratori devono rivendicare ancora più dinamicamente tutta la ricchezza che creiamo, in modo da porre fine all'ingiustizia e alle disuguaglianze!

Nei paesi dell'Africa, dell'Asia, dell'America Latina, i monopoli sfruttano la loro immensa ricchezza naturale, dando noccioline ai popoli. Le rivalità tra i potenti stati imperialisti mantengono tensioni, scoppi di guerra e ferite aperte in paesi dove sono avvenuti interventi, guerre e attentati negli anni precedenti, dove si sono create folle di popoli sradicati, di migranti e rifugiati.

Anche nei cosiddetti paesi sviluppati, l'attacco contro i salari e le pensioni, contro le conquiste storiche dei lavoratori, si sta verificando nel nome della crisi economica capitalista, per il sostegno della redditività delle grandi imprese. Povertà, disoccupazione, insicurezza sono in aumento, i servizi sanitari sono deteriorati, i governi cercano di limitare l'azione del movimento sindacale militante con feroce repressione, ponendo ostacoli alle azioni sindacali, al diritto di sciopero.

La Federazione mondiale dei sindacati chiede ai suoi membri, amici, lavoratori del mondo, di issare la bandiera delle lotte storiche dei popoli e di organizzare lo sciopero del primo maggio per un altro anno, in un modo degno del giorno in cui il mondo funziona la classe celebra.

Contro le false teorie dei datori di lavoro, dei governi e delle leadership sindacali corrotte, che affermano che scioperi, richieste, azioni dei sindacati sono diventati obsoleti, così da poter servire gli interessi della grande capitale nel miglior modo possibile.

Con mobilitazioni di sciopero massicce e dinamiche ovunque, sotto le bandire e gli slogan della FSM, che esprimono l'unità di classe e la solidarietà internazionalista. Con richieste di lavoro stabile a tempo pieno per tutti, aumenti salariali e pensionistici, servizi sanitari ed educativi gratuiti e di alta qualità per i lavoratori e le loro famiglie. In difesa dei diritti della gioventù e donne della classe operaia.

Per la pace, per la fine degli interventi stranieri negli affari interni dei paesi. Per il diritto dei popoli di decidere autonomamente del loro presente e futuro.

Per la fine del razzismo, del fascismo, della xenofobia, che è promossa dallo sfruttamento capitalista. Per l'unità di tutti i lavoratori. Per la fine delle guerre imperialiste, combattute per gli interessi di una minoranza che sfrutta la fatica dei lavoratori e fa il bagno ai popoli nel sangue.

Per la fine dello sfruttamento capitalista, per una società con vera giustizia e uguaglianza, dove la ricchezza apparterrà a coloro che la producono, ai lavoratori, che sono la forza trainante di tutti i progressi e le conquiste dell'umanità.

Fin dal primo momento della sua fondazione e per i 74 anni del suo corso e della sua azione, la FSM saldamente al fianco dei lavoratori di tutto il mondo, in occasione del primo maggio 2019 esprime ancora una volta la sua solidarietà ai popoli del Venezuela, Cuba , Palestina, Siria, Yemen, Libia.

Continueremo costantemente il nostro lotte, mirando a renderle più forti attraverso nuove iniziative, attività e mobilitazioni! Con internazionalismo e solidarietà.

Continuiamo i nostri sforzi per il rafforzamento dei sindacati militanti con molti nuovi membri, con giovani e donne, con il miglioramento delle caratteristiche di classe e dell'unità di classe di tutti i lavoratori.

Rivelando il ruolo sporco dei riformisti e dei burocrati corrotti che trasformano i sindacati in servitori della borghesia.

Partecipiamo attivamente allo sciopero del primo maggio 2019!

Lunga vita al Giorno Internazionale dei Lavoratori!

La ricchezza appartiene a coloro che la producono!

 http://www.wftucentral.org/may-day-2019-the-wealth-belongs-to-those-who-produce-it/

e-max.it: your social media marketing partner

Questo sito utilizza alcuni cookies per migliorare i servizi ed esperienza dei lettori. Se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.