Secondo Congresso

(Reading time: 1 - 2 minutes)

pergusa0

Nonostante il periodo di caldo torrido, tante/i lavoratrici/ori hanno partecipato al congresso regionale della Sicilia svoltosi sabato 25 a Pergusa, località al centro dell’isola. È stato il momento per fare il punto e analizzare la qualità del lavoro svolto in questi 3 anni di vita dell’organizzazione, dei cambiamenti sociali e lavorativi avvenuti ed in corso e per gettare le basi per il prossimo futuro. Una discussione vera e partecipata, che non si è minimamente compiaciuta della crescita avvenuta nell'organizzazione, che ha posto come tema centrale quello della costruzione e della ricomposizione dell’unità dei lavoratori, strumento necessario per la rivendicazione e la riconquista di lavoro e salario, di un’organizzazione sindacale che sappia mettere al centro unicamente gli interessi di classe e si faccia parte attiva in un fronte con altri soggetti sindacali conflittuali e non compromessi.

Centrali, nella discussione, la questione lavoro con tutte le difficili vertenze in atto in Sicilia che parlano di perenne sfruttamento, anche per i lavoratori immigrati che si stanno avvicinando alla nostra Organizzazione;

la necessità di incentivare la mobilitazione e la partecipazione come motore per la conquista dei diritti;

l’urgenza della riduzione dell’orario di lavoro a parità di salario contro la dilagante e crescente disoccupazione di massa che trascina con sé anche il taglio di salari e condizioni di lavoro.

Appuntamento a Bologna, al Congresso nazionale il 19 settembre. Appuntamento in piazza ed alla lotta.

pergusa1

pergusa2

pergusa3

pergusa5

(Reading time: 1 minute)

calabria

Sabato 18 luglio, ad Amantea, il congresso regionale in Calabria. La discussione sul documento congressuale, con le lavoratrici ed i lavoratori, ha fatto emergere la grave situazione salariale ed occupazionale in atto, un quadro vivo fatto di fis, stipendi e contributi non pagati, aziende per nulla trasparenti e presenti, lavoratori abbandonati  in sospensione contrattuale e senza alcuna sicurezza lavorativa e salariale, una situazione su cui la risposta non può che essere la mobilitazione e la necessità generale di un sindacato che organizzi i lavoratori sul piano rivendicativo e conflittuale.

Nella discussione sul documento è emersa la necessità della riduzione dell’orario di lavoro a parità di salario, quale unica risposta possibile alla diminuzione del fabbisogno di manodopera che già da tempo ha aperto un processo costante di aumento della disoccupazione di massa.

 I lavoratori hanno quindi deciso la propria rappresentanza che parteciperà al congresso nazionale, in programma a Bologna il 19 e 20 settembre, e chiuso l’assemblea regionale decidendo la mobilitazione immediata e con l’impegno per continuare nella costruzione di SGB anche in Calabria  quale sindacato conflittuale per rivendicare lavoro, salario e diritti

(Reading time: 2 - 4 minutes)

congresso lazio

Un bel congresso quello di SGB Roma e Lazio che si è tenuto sabato 18 luglio, dove le compagne e i compagni hanno potuto finalmente progettare un rilancio del sindacato nel territorio definendone contenuti e modalità e contribuendo fattivamente alla vita di SGB a livello nazionale.

Un congresso che ha sostenuto con forza la coerenza di un sindacato che a fronte di situazioni gravi e difficili come quella di Caserta o come quella attuale di Ravenna, si è schierato senza tentennamenti con i lavoratori in lotta, contro clientele e sistemi criminali. Una decisione che è stata presa pur nella consapevolezza che ciò l’avrebbe esposto ad attacchi di ogni tipo da chi è parte di quei sistemi, da coloro che ne sminuiscono strumentalmente la portata e da chi è disposto a vendere l’anima al diavolo pur di fare sopravvivere la propria nicchia. Molti gli interventi e molti gli argomenti per i quali si è indicato la necessità di un approfondimento nel corso del dibattito congressuale e la disponibilità al lavoro degli intervenuti.

In conclusione è stata approvata la seguente mozione congressuale

_______________________________________________________________

IL CONGRESSO SGB DI ROMA E DEL LAZIO

Riunitosi a Roma il 18 Luglio 2020 approva la seguente mozione congressuale:

IL CONGRESSO SGB DI ROMA E DEL LAZIO

Riunitosi in data odierna a Roma previa convocazione via mail in data 7 Luglio (h. 22.32) e 8 Luglio (h. 00,28) e, in taluni casi, anche attraverso successiva messaggistica telefonica;

verificate le condizioni che hanno consentito di svolgere i lavori in presenza e non per via telematica;

constatata la presenza di 11 partecipanti effettivi ai lavori e la presenza di Rosella Chirizzi e Massimo Betti in rappresentanza dell’esecutivo nazionale e di una delegazione di compagni della SGB di Caserta tra cui il componente del direttivo nazionale Michele De Luca;

preso atto che il Congresso territoriale risulta regolarmente convocato e che vengono messi agli atti del congresso i seguenti documenti:

  • Documento congressuale;
  • Delibere approvate dal direttivo nazionale riguardanti i rapporti con la CUB e nei confronti di taluni iscritti che hanno espresso il proposito di aderire alla predetta confederazione;
  • documento di lavoro sulla possibile costituzione di un sindacato degli operatori della cultura (artisti vari)
  • documento proposto al coordinamento territoriale lo scorso Febbraio da utilizzare come traccia di lavoro per la ripresa dell’attività sindacale a Roma e nel Lazio;

dopo ampia discussione con la partecipazione attiva di tutti i presenti viene:

  1. approvato all’unanimità il documento congressuale che i partecipanti si impegnano ad implementare con un contributo specifico per il congresso nazionale sia relativamente alle tutele dei lavoratori e alla sicurezza nei luoghi di lavoro, sia in ordine alle nuove modalità organizzative legate alla modalità di lavoro a distanza (lavoro agile e telelavoro).
  2. approvata la scelta di lasciare la sede di via Antonio Tempesta 262 e di costituire la sede romana di SGB in altro immobile, preferibilmente nella stessa zona o comunque in zone facilmente raggiungibili.
  3. approvata la scelta di rilanciare gli strumenti di cui SGB sin qui si è dotata quali: il giornale, il centro studi, la formazione.
  4. La SGB di Roma e del Lazio ritiene inoltre di dover esprimere la propria convinta solidarietà ai compagni e alle compagne di Caserta, nonché a coloro che non solo a parole, ma con atti concreti hanno fatto da baluardo alle interferenze criminali in quel territorio.   SGB di Roma e nel Lazio si riconosce nel valore etico che questi compagni e compagne hanno praticato anche rimettendo in discussione il rapporto precedentemente instaurato con la CUB.
  5. Elegge i delegati Andrea Traversetti, Alessandro Leonardi, Loredana Massaro e Daniela Campoli (in qualità di invitata) a partecipare al congresso nazionale di Bologna del 19 e 20 Settembre 2020 salvo verifica. Si propone che il compagno Alido Contucci partecipi al congresso per la gestione degli aspetti legati alla comunicazione.
  6. Viene stabilito inoltre di costituire un piccolo gruppo di contatto con gli iscritti di Roma che, pur non partecipando ai lavori congressuali, esprimano il proposito di permanere in SGB, anche avvalendosi delle strutture di lavoro nazionale.

congresso lazio 1

congresso lazio 4

congresso lazio 2