(Reading time: 1 - 2 minutes)
IMG 20200405 WA0013
Solo alcuni giorni fa come Sindacato Generale di base denunciavamo l’emendamento sullo “scudo penale” a favore anche degli amministratori che si fossero resi colpevoli di “contagi ed epidemie” con i loro favoritismi nei confronti dell' "economicità” dell’azienda a scapito della “ Salute” di pazienti e Operatori Sanitari impegnati tutti i giorni in corsie  ospedaliere o nelle case di cura contro il covid19, primo firmatario il deputato del Partito Democratico Andrea Marcucci.
Vistasi scavalcata a “destra” la Lega ha pensato bene di presentare un emendamento , primo firmatario in Sen. Salvini in DDL n°1766 “peggiorativo”, che non solo vuole fornire lo “scudo penale” a chi rendere colpevole di espansione dell’ epidemia ma li mette completamente al riparo anche dal procurato danno alle lavoratrici ed ai lavoratori impegnati in prima linea .
Non staremo qui ad elencare le varie misure che nel tempo hanno adottato la Lega e il PD, a favore della sanità privata e nello smantellamento di quella Pubblica, nel Nord Italia, non a caso sia i vari “Governatori “ Leghisti di Lombardia , Veneto, Friuli Venezia Giulia e Piemonte sono accomunati a Bonaccini  ,nella “Campagna Politica sulla Autonomia differenziata”.
Siamo sempre più certi che le due versioni “liberiste” del sistema che ci governa, Lega o PD che siano, sono sempre di più  lontani dai reali interessi della classe lavoratrice e del Movimento Operaio.
Continuiamo imperterriti a richiedere che gli Operatori Sanitari siano riforniti dei Dispositivi di Protezione Individuale adatti alle operazioni di lavoro e di assistenza giornaliera , che le direzioni sblocchino immediatamente le graduatorie concorsuali di OSS in essere con assunzioni immediate e che vengano assunti  e stabilizzati gli Infermieri che già oggi lavorano in corsia, e che vengano immediatamente fatti tamponi e test del sangue senza lungaggini burocratiche oggi quanto mai inopportune, che venga tutelata la salute degli Operatori Sanitari e dei pazienti ricoverati.
Organizziamoci assieme per veder riconosciuti i nostri diritti  sindacali, economici e il nostro Diritto Universale alla Salute e alla Sanità Pubblica.