Questa mattina i giornali hanno riempito pagine e pagine sulla sentenza su “mafia capitale” che poi secondo i magistrati mafia non è. Su questo aspetto, mafia o non mafia, si focalizza l’attenzione dei media e di grande parte dei commentatori mentre e a noi sembrano più importanti i risvolti politici che quelli di carattere giudiziario e penale.

Una vicenda quella di mafia capitale che fa emergere un contesto di collusione affaristica fra amministratori, aziende, politici e sindacati. Un vero e proprio sistema che in alcune parti del Paese è stato pure “legalizzato” del quale il sistema cooperativistico, che ha tradito completamente le proprie origini, ne è il perno intorno al quale politici e sindacalisti banchettano a danno del welfare e dei lavoratori.

Per noi “Mafia capitale” è sinonimo di questo sistema che si è gonfiato oltremodo a causa dei tagli continui allo stato sociale e dell’enorme processo di privatizzazione fatto di grandi e piccoli appalti, nei risvolti dei quali, chiunque, a destra come a sinistra, può gestirsi i propri interessi corporativi.

Succede a Roma con queste caratteristiche, succede in Emilia-Romagna, dove Buzzi aveva una presenza pesante, o in Toscana, o in altre regioni, con modalità differenti ma con obbiettivi uguali: trasformare il welfare in affari.

Per finanziare questo sistema, anche in tempi di vacche magre come sono questi, si deve risparmiare e con la scusa, ormai consunta, del ruolo sociale delle cooperative si giustificano condizioni contrattuali fra le più vergognose e una qualità dei servizi sempre più bassa.

Dal coinvolgimento in questo sistema infernale sembra non salvarsi nessuno credendo forse che ci si possa nascondere dietro il ruolo sociale delle cooperative ed è su questo che a Roma, ma non solo, con Buzzi, anche e sinistra tutti facevano accordi corporativi. Dimostrazione ne è la registrazione che riportiamo, parzialmente, di seguito.

Di fronte a questo sudiciume che qualcuno ha anche il coraggio di giustificare dicendo che "così fan tutti", noi crediamo che l’unica strada possibile che i lavoratori possano percorrere per rimettere al centro i propri interessi, sia quella di organizzarsi collettivamente con chi è estraneo totalmente e combatte quotidianamente questo sistema.

Proprio oggi come SGB, in Romagna, ci siamo riuniti in assemblea con i lavoratori di una importante cooperativa che fa parte del consorzio, di cui Buzzi era un eminente esponente e che ha in appalto da Hera i servizi per l’igiene ambientale. Appalto sul quale è intervenuto tre giorni fa anche Cantone dell'Autorità dell'anticorruzione. Con loro, con i lavoratori, abbiamo dato inizio ad un percorso di rivendicazione contrattuale e tutti abbiamo chiaro che per vincere dobbiamo sconfiggere questo sistema.

Abbiamo bisogno del sostegno di tutti.

La pulizia comincia dal basso!
_______________________________________________________________________

 

 

DA RADIO RADICALE - REGISTRAZIONE DELLA DEPOSIZIONE PROCESSUALE DI BUZZI

Buzzi su Nieri (ex Vicesindaco Roma) “più di venti più di venti….. mi hanno rotto le scatole glieli ho dovuti assumere tutt.. Poi mi ha fatto fare un accordo, ma quello l’ho fatto volentieri, mi ha fatto fa un accordo con il sindacato USB…”

Mi curava il rapporto con il sindacato USB con Luigi Nieri, io non ci andavo a parla più ci andava il sindacato per me e ovviamente il sindacato che ti ammolla? Decine di persone io le ho prese, ma io gliele ho prese volentieri”

Andai a parlà con tutta l' USB, con tutti i ragazzi, ma capirai so tutti ragazzi de sinistra che a me piacciono tantissimo e andammo a parlare per fa l' ostello del proletariato…..”

L’aria che tirava era che lui lo voleva assegnare (l’appalto) ad una organizzazione cattolica non so quale, allora io mando il segretario regionale dell’USB a parlare con Nieri…. (USB)parlato con Luigi per frantoio (l’appalto)tutto ok non ci sono manovre in atto…”

Tratto dalla deposizione di Buzzi registrata da radio Radicale
http://www.radioradicale.it/scheda/503112/processo-mafia-capitale

E’ una registrazione composta da 5 tracce.

In basso a sinistra ci sono delle freccette che fanno avanzare di traccia. La trovate sulla traccia 2 da 1.45,49 a 1.50,28 e la traccia 3 da 02,48 a 05,29.

e-max.it: your social media marketing partner
Attachments:
Download this file (SGB suMafiaCapitale_luglio2017.pdf)SGB suMafiaCapitale_luglio2017.pdf[ ]88 kB