(Reading time: 2 - 3 minutes)

 

 

 

  • - Per difendere il servizio pubblico del trasporto ferroviario contro la sua privatizzazione che sottrae alla collettività un bene per regalarlo a privati, banche e speculatori finanziari. La nascita della srl Mercitalia (con l'organigramma e le posizioni di comando) e la sua fuoriuscita da Trenitalia relegano il trasporto merci su ferro ad un ruolo del tutto marginale, scaricando i costi di questa operazione sulle spalle dei lavoratori con un migliaio di esuberi e il pesantissimo peggioramento delle condizioni lavorative.
 Condizioni che verranno poi applicate ai ferrovieri di tutti gli altri settori.

  • No alle esternalizzazioni, con particolare riguardo alle lavorazioni di sicurezza ferroviaria.

 

- Per un CCNL di unificazione di diritti e condizioni di lavoro.

 

- Per la riduzione dell'orario e dei carichi di lavoro, per prendere la parola su un rinnovo contrattuale che si preannuncia disastroso. Le assemblee nei posti di lavoro hanno chiaramente espresso la ferma intenzione dei lavoratori di respingere i peggioramenti inflitti dagli accordi degli ultimi rinnovi.

 

- Contro l'annunciata revisione del codice disciplinare che appesantisce le "punizioni" e consegna all'azienda il completo arbitrio di giudicare la gravità di una mancanza e la relativa pesantezza della sanzione.

 

- Per il superamento della Legge Fornero sulle pensioni e contro la mancata armonizzazione che ha portato fino a 70 anni l'età pensionabile di lavoratori addetti a funzioni di sicurezza e con un'aspettativa di vita assai inferiore. Rispediamo al mittente la provocazione del governo di caricare un mutuo di 20 anni sulle spalle di un lavoratore prossimo ai 70, dopo 40 anni di lavoro!

 

Nei giorni scorsi abbiamo solidarizzato con la lotta dei lavoratori francesi a cominciare dagli Cheminots, questo sciopero è un primo passo per avvicinarci allo slogan

 

"fare come in Francia".

 

Lo sciopero è proclamato con massima estensione dalle 21.00 del 23 giugno 2016 alle 21.00 del 24 giugno 2016 per tutte le aziende del trasporto merci e passeggeri

 

(dichiarazione CAT per trasporto passeggeri, dalle 21.00 del 23 alle 17.00 del 24),

 

intera giornata del 24 giugno per le lavorazioni non turniste a prestazione unica giornaliera.

Per intervento della Commissione di Garanzia lo sciopero non si applica ai ferrovieri con sede lavorativa nelle regioni Lazio, Calabria e Sicilia.

 

BASTA CONTRATTI A PERDERE

 

 

 

 

e-max.it: your social media marketing partner